ATB Engineering, giovani talenti per creare futuro


ATB Engineering ATB Engineering Zoom

La Srl, voluta da Sergio Trombini, sarà un supporto al Gruppo per le attività di progettazione. Oggi la società dà lavoro a cinque ingegneri neolaureati.

Uno studio di talenti ad alto tasso di innovazione. Giovani ingegneri con una solida preparazione accademica da potenziare attraverso la praticità del lavoro sul campo. La visione di Sergio Trombini si è trasformata in realtà nei primi mesi del 2017.

Quando il presidente di Fintro Spa ha ufficializzato la nascita di ATB Engineering, Srl con lo spirito della start up e l’obiettivo di supportare, attraverso un approccio trasversale e qualificato, la progettazione delle divisioni Petrolio e Gas, Idroelettrico, Eolico e Nucleare: approfondimenti di studi teorici, sviluppo di nuovi metodi di calcolo, aggiornamento continuo sull’evoluzione delle normative vigenti, nazionali ed europee.

Una scommessa che Trombini ha consegnato nelle mani di Federico Maggioni, direttore tecnico del settore Nuclear e Floriana Maria Renna, project engineer di ATB Riva Calzoni con alle spalle diversi anni di insegnamento e ricerca in università. È lei a raccontarci i primi passi di questa nuova avventura. “I ragazzi sono in possesso di competenze che ora vanno riempite di esperienza, e ciò può avvenire solo in collaborazione con i nostri senior; il successo di ATB Engineering dovrà passare anche da questo travaso di conoscenze- spiega Renna -. La prospettiva è dare forza alla società perché possa affacciarsi un giorno al mercato esterno. Come lo faremo? Creandoci le referenze, per adesso in stretta collaborazione con la casa madre”.

Attualmente il team guidato da Renna è composto da cinque persone: Paolo Anni, Matteo Garbellini, Veronica Guerini, Mattia Prati, Davide Zanardelli, ingegneri civili e meccanici freschi di laurea. La ricerca dei profili si è concentrata esclusivamente all’interno dell’ateneo bresciano, per valorizzare il legame con un territorio che continua ad avvalersi di un’osmosi virtuosa tra formazione e attività lavorativa.

“Stiamo creando un ufficio tecnico abbastanza informale, con una forte circolarità di idee, di stimoli reciproci continui” aggiunge Renna. La formazione, perciò, è un fattore determinante. “Muovendosi in settori fortemente caratterizzati, i ragazzi hanno bisogno di imparare a utilizzare gli strumenti del mestiere, adattando ciò che hanno imparato in università alla dimensione professionale – continua -. Ai corsi esterni, curati da esperti in ambito Petrolio e Gas e Idroelettrico, affianchiamo momenti di autoformazione e di formazione interna, nei quali chiamiamo i senior di ATB Riva Calzoni a confrontarsi con noi sugli argomenti”. E se servirà un tempo fisiologico per permettere ad ATB Engineering di diventare l’effettivo supporto trasversale di Fintro, l’ufficio si sta già occupando delle prime piccole commesse. “Stiamo lavorando alla progettazione di selle e supporti di carpenteria per il nucleare e il petrolchimico, a studi di sollevamento dei componenti Petrolio e Gas e nucleare – conclude Renna -. Inoltre nei mesi scorsi abbiamo fornito assistenza a Semat per la partecipazione a un bando di gara”.